Sinistra e dintorni

AvatarUn Blog di discussione politica in cui si esprimono idee sentimenti e riflessioni sulla sinistra italiana in questa fase molto fluida. Un modo per dire quello che si pensa sui fatti quotidiani e sul futuro dell'Italia. Vista da sinistra.

PD E PDL per me pari sono

Primi passi per l'inciucione
Fino al 10 marzo nei Tg, Gr e altri format della rai ci sarà prevalenza dei rappresentanti di Veltroni e Berlusconi
L’asse Partito democratico e Popolo delle libertà ha approvato, in Commissione parlamentare di vigilanza, un emendamento al testo di regolamento sulla par condicio televisiva che elimina «la parità di accesso» di tutte le forze politiche in campo per le prossime elezioni politiche in tutti i programmi di informazione, compresi i telegiornali e i programmi di approfondimento giornalistico.
Il relatore Marco Beltrandi, Rosa nel pugno, aveva invece proposto la piena «parità di accesso e di trattamento tra le diverse forze politiche» in tutti i programmi di informazione, appoggiato in questo dalle altre forze minori in campo per le prossime elezioni. La Commissione di vigilanza dovrà esaminare questa sera altri aspetti che riguardano i programmi di approfondimento informativo e le condizioni di accesso delle forze politiche ad essi
Sono prove di inciucio che confermano quanto sospettato da chi non è di parte e da chi guarda la politica in modo distaccato.
Prima D'Alema che dice che il conflitto di interessi non è una priorità, poi le parole d'ordine del programma che battono sulle stesse parole d'ordine, ora il colpo di mano in Commissione di Vigilanza Sulla par condicio.
Tre segnali che fanno una prova. Spero che gli italiani siano consapevoli di cosa ci aspetta dopo le elezioni.

2 commenti:

7:12 PM Anonimo ha detto...

Iniziano le campagne elettorali ed iniziano le demonizzazioni degli avversari - Non è molto più saggio leggere i vari programmi e poi decidere. In merito alla televisione, visto che passo le mie ore dinanzi ad essa, per quel che mi riguarda non vedo quella disparità che tutti inneggiano.
Telelombardia trasmette sempre dibattiti fra maggioranza ed opposizione. Idem Telenova, Rai e Mediaset.
Ascolto tutto e tutti ma non mi faccio condizionare da questo o quello.
In base alla vita quotidiana (es.: Rifiuti, Alitalia, Delinquenza etc.) cercherò sui programmi quello che più mi confà (peccato che una parte si trova in un posto ed un'altra si trova in un altro) per il momento quello che ho sempre cercato è per un buon 55% in quello di Di Pietro ed un altro in quello della Lega che è l'unica, per il momento, che pensa anche al Nord. Ma non è detto che il mio voto vada a loro - Ho tempo fino al 13 aprile per ascoltare e poi decidere visto che non ho ideologie preconcette e non amo nessun partito e men che meno nessun politico sia di destra che di sinistra visto che alla fine sono quasi tutti uguali pensano a stare a galla e non all'azienda Italia.

Cordiali saluti

My5188

8:02 AM Andrea ha detto...

Sarebbe logico fosse così, in realtà, i programmi ci hanno detto e ci stanon ripetendo che sono lo specchietto per le allodole per quelli come lei (e me) che ci credono. Dal giorno dopo le elezioni, chissà come mai, cambiano improvvisamente le priorità, e quello che ieri sembrava urgente, diventa un "ci dobbiamo pensare". Io vedo all'orizzonte dopo quweste elezioni, e mi spiace, un accordo fr ai due principali contendenti, in nome della governabilità, ci diranno.

Saluti, Andrea